bike support: +39 335 5212212 b2b@34-36.bike

SVILUPPO DEI
DISTRETTI TERRITORIALI
BIKE FRIENDLY

.

SVILUPPO DEI
DISTRETTI TERRITORIALI
BIKE FRIENDLY

.

creare, organizzare e collegare i
Distretti Territoriali Bike Friendly
su tutto il terriorio italiano

distretti territoriali organizzati bike friendlyCosa facciamo

ITALIAN DISTRICT.BIKE

CREA  GESTISCE  COLLEGA

DISTRETTI TERRITORIALI ORGANIZZATI
BIKE FRIENDLY,

attivando e potenziando le sinergie imprenditoriali di strutture ricettive, attività commerciali e enti territoriali, per il mercato estero e italiano.

ITALIAN DISTRICT.BIKE

codifica e prepara lo spazio dove attivare e potenziare le sinergie imprenditoriali del territorio, valorizzando e rispettando le peculiarità identitarie, come nel riconoscimento delle eccellenze.

Coordiniamo il piano delle opportunità nelle offerte, incrementando ed evolvendo in un modello pratico e concreto di hub territoriale per il supporto ad una promozione turistica efficiente.

Sviluppiamo modelli di governance del territorio per valorizzare e mettere a sistema le singolarità delle eccellenze locali.

Componiamo un modello identitario, trasversale alle politiche di branding del territorio, per migliorare le economie di scala ottimizzando gli investimenti di marketing territoriale per una efficace strategia condivisa.

Z

ATTIVITÀ COMMERCIALI E RICETTIVE

Z

ENTI TERRITORIALI

Z

RETE CICLABILE E CICLOVIE

distretti territoriali organizzati bike friendlyCOME LO FACCIAMO

→ Attraverso l’identificazione e la valorizzazione imprenditoriale di attività ricettive, le attività commerciali e culturali connesse che si riconoscono come “bike friendly”.

→ Questo porta alla promozione di un network B2B progettato e regolamentato nelle relazioni di rete -anche nelle prassi commerciali – in modalità sinergiche e relazionali.

→ Il supporto e la collaborazione di PA ed enti territoriali. Riconoscendo e divulgando le “best practice” come elemento connotativo e di appartenenza.

distretti territoriali organizzati bike friendlyA CHI CI RIVOLGIAMO

I nostri interlocutori
sono tutti i portatori d’interesse
che vogliono far crescere il valore del territorio
con un percorso strutturato e misurabile

distretti territoriali organizzati bike friendly IL PROTOCOLLO 34/36

Modello operativo con i portatori d’interesse

Analisi preliminare del territorio

Verifica compatibilità territoriali e creazione aree omogenee

Selezione e "engage" degli attori del potenziale district

Contrattualistica e stipulazioni

Si costituisce il DISTRICT

Action plan Comunicazione e Marketing

Definizione processi e formazione

Raccolta e analisi risultati

Fine tuning e release 2.0

“…ho scelto questo modello operativo, come Ebi Consulting, nel partecipare ad un Bando della Camera di Commercio Milano a supporto della mia attività di sviluppo nel marketing territoriale; come manager della Rete d’Impresa Alberghi la Milano che conviene facente parte di Confcommercio Legnano”.

Elena Broggini, Imprenditrice, Business&Life Coach, Direttore Rete d’Impresa 

“…condivido questo interessante modello operativo. Infatti consente una valorizzazione del territorio con una gestione dinamica, in una concreta condivisione esecutiva tra i diversi operatori. Soprattutto nella velocizzarono delle logiche di cambiamento: proprio quello che, da sempre, affrontiamo quotidianamente noi agricoltori “.

Renato Arienti, Direttore Fondazione “Scuola di Agricoltura Ferrazzi Cova” di Villa Cortese.

distretti territoriali organizzati bike friendlyCOLLABORAZIONI & PARTNERS

MY ITALIAN DISTRICT.BIKE

distretti territoriali organizzati bike friendlyPER RIMANERE AGGIORNATI

8 + 15 =

Translate »